Un video contro la riforma della scuola

Teaser Description: 

I genitori di zona 3 creano un video per protestare contro la riforma Gelmini e spiegare l'impatto che avrà

Antonella, Lisa, Marina, Lorenzo, Sophie, Massimo, Daniela, Nora, Marco, Lucia e molti altri... sono i genitori e gli insegnanti che per difendere la scuola pubblica da tagli sconsiderati questa volta ci hanno messo la faccia, la voce, il tempo. Sono diventati i protagonisti di un video:
http://it.youtube.com/watch?v=Nb8N3hEHHQ0

Il video si trova su Youtube, lo stesso canale che il Ministro Gelmini ha utilizzato per parlare proprio a chi – a suo avviso - non capisce la sua «riforma» della scuola.

Il comitato di zona 3 di Milano per una scuola di qualità è fatto di persone qualunque, con idee diverse su tante cose, ma non sul valore della scuola pubblica. Per questo il comitato, che raggruppa tutte le scuole di zona, è impegnato da mesi a combattere una legge che pensa soltanto ai tagli e non all'importanza di fornire una buona educazione.  

Il comitato non è solo: a Milano, in altre città, in tutto il Paese sono nate assemblee e associazioni in ogni scuola. Un milione di persone è scesa in piazza in tutta Italia contro le leggi approvate dal governo. E anche fra chi non è sceso in piazza, moltissime sono le persone che non approvano lo scempio in corso.

Secondo i dati OCSE la scuola primaria italiana è la sesta al mondo per qualità. Nel tempo pieno si ottengono i migliori risultati e per chi proviene da famiglie disagiate è in questo modello di scuola che risiede la possibilità di un avvenire migliore. Non vogliamo perdere questi primati per una "riforma" insensata, dagli effetti profondamente destrutturanti:

* Quattro ore al giorno di lezione per sei giorni. E una sola maestra. (Era la scuola elementare di quarant'anni fa).
* La scuola si ritrova con 80 mila insegnanti e oltre 44 mila ausiliari, tecnici, amministrativi in meno.
* Saltano gli specialisti di inglese.
* Tornano voti in decimi e il voto in condotta. (Erano scomparsi dalla scuola elementare e media trent'anni fa).
* Niente più ore di compresenze: addio alle gite e alle attività di laboratorio.
* Tagli per 8 miliardi di euro, equivalenti ai contributi diretti e alle agevolazioni che vanno allo Stato del Vaticano ogni anno.
* Nella sola Lombardia oltre 45 milioni di euro vanno a 70 mila alunni delle scuole private, mentre 900 mila studenti della scuola pubblica si portano la carta igienica da casa.
 

La protesta non si arrende di fronte al fatto che la legge Gelmini sia stata approvata e che il Ministero abbia emanato i decreti attuativi. La protesta continua, più forte di prima. 
 

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero