Usa: l'Ikea come baby sitter di famiglia

Teaser Description: 
Cresce del 20% il numero di genitori che ricorre a "tata" Ikea

New York: aumentano i genitori che scelgono Ikea come "tata" ogni settimana

L’Ikea come baby sitter? Complice la crisi economica, e i tagli sulle spese di tanti genitori, quella che a lungo è circolata come una battuta in Italia è diventato un fenomeno negli Usa. Al punto da finire sulle pagine del New York Times, con tanto di percentuali di crescita dell’utilizzo delle stanze con le palline e servizio tata della catena svedese: + 20% dall’inizio del 2009 nei negozi delle principali città americane.

Secondo l’indagine del quotidiano americano, ci sono genitori che portano i piccoli nelle “Smaland” Ikea anche con cadenza settimanale approfittando del servizio gratuito baby sitting per lavorare nella caffetteria con servizio wi-fi. Altri, scelgono invece i magazzini Ikea per uscite a cena dai prezzi contenuti studiando orari e percorsi per accaparrarsi gli sgabelli attorno alle aree gioco.

E lo shopping? Le pr di Ikea America, ammettono che la maggior parte dei genitori “visitatori fissi” non fa acquisti.

 

 

Tags:

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero