Agenda

Archivio News

Una casa per “padri separati”

Teaser Description: 
Al Gratosoglio bilocali per 3 anni alla portata di tutti e un percorso di sostegno

Hanno tra i 35 e i 45 anni, in maggioranza sono uomini, separati, con figli minori e con un lavoro a tempo indeterminato.  Sono gli inquilini del palazzo di via Saponaro, al Gratosoglio, dove si sta sperimentando un percorso per sostenere con una casa e un progetto di vita, chi deve ripartire. Lavoro a tempo indeterminato eppure bisogno di una casa?  “Eh sì molti di loro hanno un reddito tra i 900 e i 1300 euro al mese, ma questa somma, messa alla prova dagli alimenti e magari da mutui per l’appartamento dove vivevano con moglie e figli, per molti significa non potersi permetter una casa. Dopo la separazione diventa impossibile stare sul mercato dell’alloggio a Milano, per molti” spiega Cristina  De Michele della Cooperativa Comunità Progetto, coordinatrice del progetto.

Radiomamma: Partiamo dal progetto, in cosa consiste?
Cristina  De Michele: Sono 40 bilocali dell’Aler, dati in affitto (2400 euro all’anno) per 36 mesi a famiglie monoparentali, per lo più padri separati e con figli minori. Gli appartamenti sono arredati e ci sono spazi comuni, come la lavanderia e un locale gioco per i bambini. Con gli affittuari il Comune ha avviato percorsi di sostegno e accompagnamento per trovare una casa e farcela autonomamente. Questo è quello di cui si occupa la Cooperativa Comunità Progetto.

Radiomamma: Come funziona il progetto di sostegno?
Cristina  De Michele: Per prima cosa la conoscenza. Abbiamo parlato con tutti per capire di ognuno il profilo sociale, la storia della separazione, la rete famigliare e di conoscenze su cui oggi possono contare, come gestiscono i figli, quali oneri hanno, sia emotivi sia economici. E la storia abitativa recente: c’è chi arriva da affitti onerosi, chi da anni passati da un parente a un amico, o da lunghi periodi trascorsi vivendo sul luogo di lavoro.

Radiomamma: In questo i bambini?
Cristina  De Michele: Essendo per la maggior parte padri hanno i bambini con loro solo alcuni giorni la settimana. Ma per aver vissuto in condizioni abitative precarie hanno messo a repentaglio la possibilità di vedere i figli con regolarità.

Radiomamma: Quindi ci sono situazioni emotive complicate, oltre l’aspetto economico?
Cristina  De Michele: Molte persone con la separazione ha perso riferimenti e orientamento. Sia la perdita del sistema famiglia, sia la conseguente precarietà abitativa crea molta instabilità.  Molti durante gli incontri ci hanno detto: “finalmente ho una base per poter ripensare alla direzione in cui andare”.  Anche per questo abbiamo uno sportello di sostegno, per raccogliere i vari bisogni e ri-orientarli al servizio specifico: dall’aiuto psicologico al sostegno alla genitorialità fino alla ricerca del lavoro.

Radiomamma: E in modo pratico come potete aiutarli a trovare una casa definitiva?
Cristina  De Michele: Monitoriamo il mercato dell’alloggio per capire dove si possono costruire soluzioni: dalla mappa dei cantieri, ai bandi pubblici, ai possibili affitti con riscatto ecc... Sul gruppo, che è eterogeneo, stiamo facendo una mappa dei vari desiderata: quale possibilità preferiscono, quali soglie economiche hanno, quali le soluzioni migliori per i minori, in quale casa vorrebbero andare. Così creiamo gruppi omogenei, con cui facciamo incontri e lavoriamo per trovare la soluzione, il prima possibile.

di Cristina Colli

Buongiorno, un ottimo

Buongiorno, un ottimo progetto direi. Vi scrivo perchè sono molto interessata a questi ambiti.
sono una consulente legale e mediatrice familiare specializzata nell'ambito del diritto di famiglia e sono sensibile a queste tematiche.
Non so se avete già questa figura professionale, però metto a disposizione la mia figura professionale che coloro che ne avessero bisogno.
Comunque, se siete interessati posso anche inviarvi il mio curriculum-
Grazie in anticipo.
A presto dott.ssa Ilaria morosini.
www.ilariamorosini.it

Rientro purtroppo in questa

Rientro purtroppo in questa categoria..e' possibile conoscere l'iter da seguire per poter usufruire di questa opprtunita'? Grazie mille!

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero