Un sito "sicuro" per scoprire il sostegno a distanza

Teaser Description: 
Lo lancia L'Agenzia per le Onlus


Sostegno a distanzaSostenere a distanza un bambino o un adolescente in paesi in via di sviluppo coinvolge da sempre le famiglie italiane. Si stima che siano un milione e mezzo gli italiani che hanno in corso un sostegno a distanza e il loro numero è destinato a crescere: si prevede che, entro il 2013, arriveranno ad almeno 3 milioni.
E’ una forma di aiuto dalle profonde potenzialità; sarebbero 12 milioni gli italiani - circa un quarto della popolazione - che nel corso della loro vita hanno aderito ad un sad; e ben 23 milioni vorrebbero avvicinarsi a questa forma di solidarietà (Eurisko).
Partendo da questi dati, l’Agenzia per le Onlus, il massimo organo di controllo e promozione del non profit italiano, ha voluto rispondere al bisogno di trasparenza che viene dai cittadini. Il Sad – un mondo fatto di migliaia di realtà presenti sul territorio naizonale - risente, infatti, di molta diffidenza, si teme che i fondi raccolti non arrivino effettivamente a destinazione. Tant’è vero che circa il 20% degli italiani sostiene di non aderire a questo progetto per paura di abusi. Il Sad invece vive di conoscenza, di stima e di fiducia del lavoro delle associazioni e degli operatori che si trovano sul campo.
Ecco perchè l'Agenzia ha studiato ed emanato precise Linee Guida per il settore, intitolate "Linee Guida per il Sostegno a Distanza di Minori e Giovani, e aperto un Albo cui tutti gli enti che fanno Sad devono registrarsi per aderire alle regole di trasparenza e qualità fissate dall'Agenzia. 

Le associazioni che si riconoscono nelle ‘Linee guida’ si impegnano a garantire ai cittadini che le risorse arrivino davvero al beneficiario finale ed assicurano informazioni chiare e complete sul proprio operato e sui progetti destinati a un bambino o alla sua comunità. Si sigla così, di fatto, un patto di fiducia tra i cittadini-donatori e i bambini.

Per promuovere e rinsaldare questo patto l'Agenzia per le onlus, ente pubblico vigilato dalla Presidenza del Consiglio, ha presentato alla Camera dei Deputati www.ilsostegnoadistanza.it un sito, presto attivo, completamente dedicato al Sad, dove i cittadini possono trovare l'elenco delle organizzazioni che aderiscono alle ‘Linee guida’. ''Il Sad - ha dichiarato il presidente dell'Agenzia per le Onlus Stefano Zamagni - rappresenta una delle forme piu' avanzate di sostegno allo sviluppo: e' forma sussidiaria di intervento, rafforza la coesione sociale nelle comunità locali,  favorisce la reciprocità tra donatore e beneficiario. In prospettiva, il capitale umano in questi paesi potrà diventare capitale sociale e risorsa per lo sviluppo del Paese stesso. Per questi valori, l'Agenzia ha ritenuto di dare un forte impulso al Sostegno a distanza con un progetto e un lavoro mirato''.

Sono già una cinquantina gli enti iscritti all'Albo del Sostegno a distanza dell'Agenzia. Si tratta di una lista aperta all'ingresso di altre associazioni, grandi e piccole, che rispondano a determinati requisiti, tra cui la trasparenza dei bilanci, l'eticità dell'intervento, il rispetto dei diritti dell'infanzia e della relazione a distanza con il sostenitore, informazioni chiari sulla tipologia del progetto e dei suoi obiettivi. Nasce quindi, grazie all'Agenzia Onlus, una sorta di organizzazioni 'col bollino' che assicurano finalmente chiarezza nel rapporto con i sostenitori.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero