Agenda

Archivio News

Stanotte dormo all’asilo

Teaser Description: 
Al via il servizio h24 alla Scuola Dadà: campanella d’entrata anche alle 18, sette giorni su sette

C’è un asilo a Milano dove la campanella da metà marzo suonerà alle 18. E per segnalare l’entrata! A quell’ora i bimbi da 0 a 6 anni armati di zainetto con pigiama e orsetto del cuore, saranno gli ospiti del servizio notturno della Scuola Dadà. “Io sono mamma di due bambini e molti dei miei progetti nascono proprio dall’osservazione delle mie esigenze”, inizia Anna Podestà, la proprietaria di questo nido, primavera e materna. E così prima è nato il take away serale (per arrivare a casa con la cena già pronta) e ora il servizio h24.
All'estero gli asili aperti 24 ore su 24 sono una realtà da tempo. Il New York Times lo raccontava partendo da un dato:  il 40% dei lavoratori americani oggi sono impegnati in orari non standard. (Clicca qui per leggere)
Ora anche a Milano, dove I ritmi della città stanno cambiando e le esigenze di conciliazione vita-lavoro non sono kids friendly a volte. "Per questo abbiamo creato, in team con psicologi, un progetto educativo che faccia sentire a casa e non parcheggiati i bambini. La premessa è che il servizio deve essere comodo per i genitori, ma rivolto e studiato per i bambini", precisa Anna.

Radiomamma: Partiamo dalle aspettative. Chi pensi busserà alla porta per l’asilo notturno?
Anna Podestà: Ci sono i papà e le mamme entrambi turnisti, come in ospedale (abbiamo già fatto una convenzione con la Mangiagalli e Il Fatebenefratelli), ci sono i doppi lavori in questo periodo soprattutto, i genitori spesso in trasferta per giorni, quelli che finiscono tardissimo di lavorare. E non sempre ci sono nonni disponibili o tate. Poi ci sono gli stranieri che vengono a Milano qualche giorno per lavoro e hanno necessità di accudimento sicuro anche di sera e notte. E poi non tutti hanno appartamenti di dimensioni adatte ad ospitare una nona o una tata. Infine ci sono i weekend e per qualche coppia la necessità di concedersi una notte di relax ogni tanto. Così ho pensato alla copertura notturna completa.

Radiomamma: Come funziona il servizio?
Anna Podestà: I bimbi saranno ospitati nel nostro nido o nella nostra sezione primavera, sono appartamenti (anche se molto grandi) e quindi più adatti alla notte perché assomigliano a una casa. E questa atmosfera “di casa” è quello che ricreiamo. Quindi alle 18 si arriva, si gioca con l’educatrice di riferimento, poi bagnetto, in cucina a preparare la cena insieme, pigiama, favola o cartone (su tablet) a seconda delle abitudini e poi si spegne la luce. I bambini dormiranno (come di giorno) in lettini di legno piccoli e il corredino si trova qui. E se si vuole c’è anche la videochiamata con mamma e papà con Skype, prima di addormentarsi. La mattina la sveglia è tra le 7 e le 9 (i genitori vengono entro le 9.30), pulizie, colazione e gioco fino alla campanella d’uscita. C’è poi la possibilità di uscire alle 13 (13.30) dopo il pranzo. Questo soprattutto per i genitori che quando finiscono il turno di notte così si riposano qualche ora.

Radiomamma: Partite a metà marzo, con quali numeri e i costi?
Anna Podestà:Per ora possiamo accogliere massimo 8 bambini e ci sono due professioniste con loro. Poi vedremo…Al momento le richieste sono per una notte la settimana, massimo due. I costi per l’orario base (18-9.30) sono di 90 euro, per l’orario più lungo 120 euro. Con convenzione 25 euro in meno.

Info: Nido.dada@libero.it

Di Cristina Colli
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero