Agenda

Archivio News

Servizi: l'Uber dei bambini

Teaser Description: 
A Los Angeles, mamme autiste portano bimbi e ragazzi alle attività pomeridiane. Prenoti e paghi via App. HopSkipDrive fondato da 3 genitrici

L'Uber del bambini? Carpooling per famiglie? Mamme intraprendenti che aiutano altre mamme? Ai genitori di Los Angeles le etichette non interessano, conta il servizio. E quello di HopSkipDrive è il sogno di tantissimi genitori impegnati nel trasporto quotidiano della prole da una attività all'altra: cellulare alla mano, con un apposita app, prenoti un passaggio per tuo figlio sull'auto di un autista, che molto spesso è una mamma. A fine corsa un messaggio ti avverte che il bimbo è arrivato a destinazione comunicando anche velocità media di "crociera". Unica regola: prenotare con 24 ore di anticipo.

L'idea, guardo caso, è venuta a tre mamme - Joanna McFarland, Carolyn Yashari Becher and Janelle McGlothlin - 8 figli in tutto, e sta conquistando i genitori. Oltre duemila quelli che che usano regolarmente il servizio, nonostante i prezzi non siano economici: 20 dollari a corsa (circa 18 euro), con un extra se il viaggio dura più di 30 minuti o se supera i 5 km. A conquistarli, oltre alla comodità, i requisiti che deve avere un autista di HopSkipDrive: auto sempre pulita, almeno 5 anni di esperienza nella gestione di bambini, conoscenze di pronto soccorso pediatrico, aspettare con il bambino se l'istruttore di tennis, di nuoto o di matematica che lo deve prendere in carico non è ancora arrivato. Da qui il Dna di tanti autisti, anzi di tante autiste, della compagnia: mamme, babysitter, ex insegnanti. 


Il servizio, pensato per bambini e ragazzi dai 7 ai 17 anni, "è utile soprattutto per le mamme con più figli da portare in posti diversi della città alla stessa ora, da genitori separati e da famiglie senza aiuti fissi" hanno spiegato le fondatrici al New York Times. Per non parlare delle mamme che, magari uscite dal mercato del lavoro a causa della nascita dei figli, possono reinventarsi portando a casa un reddito e al tempo stesso accompagnare i loro figli dove serve.

Roba da metropoli con distanze immense da percorrere? Il New York Times giura di no. Un analogo servizio, Shuddle, è già attivo a San Francisco e HopSkipeDrive sta per sbarcare a New York dove vivono molti genitori con alto potere d'acquisto, poco tempo e che in molti casi non posseggono un'auto. 

Che dici, un servizio del genere sarebbe utile a Milano? 

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero