Agenda

Archivio News

maternità condivisa: il sì dei papà inglesi

Teaser Description: 
Il 56% , contro il 50% delle mamme, vuole equa divisione dei compiti. In aprile parte il Shared Parental Leave

Shared Parental Leave, congedo condiviso piace ai papà inglesiIl compito di crescere un figlio deve essere equamente diviso tra mamma e papà, anche dal punto di vista delle ore spese con i piccoli durante la settimana di lavoro. Più della metà degli inglesi ne è convinta. E i maschi lo sarebbero ancora più delle donne: 56% contro il 50%.

Lo rivela uno studio governativo pubblicato il 13 gennaio in vista della nuova legge sul congedo parentale, il Shared Parental Leave, che dal 5 aprile sarà in vigore nel Regno Unito consentendo ai genitori dei bambini nati a partire da quella data di spartirsi 50 settimane di congedo come meglio credono, e di goderle anche contemporaneamente, nel primo anno di vita del figlio. Il livello di flessibilità che avranno sarà deciso dal datore di lavoro, ma il diritto a prendere il congedo condiviso, anche in contemporanea con il partner, non può essere rifiutato.

Secondo lo studio del Department for Business, Innovation and Skills , ripreso dal Telegraph, 285mila coppie di genitori lavoratori ogni anno potranno beneficiare del congedo condiviso e anche l'83% di chi intende diventare mamma o papà in futuro vuole avvalersi del diritto.

Di più: il 75% dei padri ha dichiarato che avrebbe usato il congedo parentale condiviso se ci fosse stata una legge e la possibilità di farlo al tempo della nascita dei loro figli contro il 63% delle mamme. 

Per capire se si tratta solo di buone intenzione bisogna attendere qualche mese e vedere quanti padri, effettivamente, useranno il congedo condiviso. I numeri, però, fanno ben sperare...


Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero