Agenda

Archivio News

Mamme lavoratrici contro mamme full time

Teaser Description: 
Sui blog americani è guerra aperta...senza mezzi termini

GUerra tra mamme lavoratrici e nonThe mommy wars, le guerre delle mamme. E, per essere più precisi, le guerre tra tate, mamme lavoratrici e mamme full time. Vi pare un'esagerazione?

I media americani, a cominciare dal prestigioso Huffington Post, giurano che il termine è appropriato. E in questi giorni raccontano di come questa guerra giornaliera e strisciante, che si compie ogni giorno tra parchetti e sale di aspetto di piscine e laboratori creativi, sia tornata di attualità a causa di un post, anonimo, pubblico sul portale UrbanBaby dedicato ai genitori newyorkesi. 

"Ehi, mamma lavoratrice: non ho nessuna intenzione di socializzare con la tua babysitter", recita il post. Che ha suscitato immediate reazioni, in alcuni casi al vetriolo. Da una parte le genitrici che lavorano, che hanno postato frasi come queste: "Mando al parco la mia tata per non dover perdere tempo con te" e "Fatti una vita, nullità". Dall'altra le mamme che hanno deciso di dedicarsi totalmente ai figli: "capisco che non tutte hanno il lusso o la sanità mentale di preferire la famiglia alla carriera, ma non costringermi a frequentare la tua babysitter", "mandare una tata a gruppo mamme e bimbi insieme significa rovinarne la riuscita".

Di blog in blog, la guerra tra mamme è rimbalzata sulle prime pagine dei giornali. Ma non ha sorpreso chi, da tempo, indaga sulle relazioni tra famiglie: "Le emozioni espresse in questi post non sono una sorpresa", ha dichiarato all'Huffington Post Lucy Kaylin, autrice del libro The Perfect Stranger che racconta il difficile rapporto tra babysitter e mamme, "Ciò che sorprende sono i toni espliciti usati per manifestarle".

Che succede? Possibile che online si perdano i freni che, nella vita reale, aiutano le mamme a filtrare rancori, gelosie e inimicizie? Su Urban Baby le genitrici si sono scatenate, elencando tutte le cose che non sopportano delle "rivali". Ecco alcuni degli argomenti: 

Delle mamme "full time" non sopporto: 
- la pietà con cui ti guardano quando arrivi a scuola la mattina con il tuo computer ma senza la cartella di tuo figlio;
- quando, all'uscita, si vantano di portare a casa 3 amichette della figlia e di averne a cena 5;
- gli sguardi invidiosi  al tuo look da lavoro e le battute "quanto ci metti a vestirti così la mattina?";
- quando non lasciano che il loro figlio venga a giocare a casa tua se c'è la tata e tu sei in ufficio;
- ecc

Delle mamme lavoratrici non sopporto:
- il disinteresse totale per i piccoli problemi della scuola e il modo in cui allungano i soldi per la cassa comune lasciandoti intendere che hanno faccende più urgenti da sbrigare;
- le babysitter che al parco non intervengono quando il figlio di una mamma lavoratrice si azzuffa con il tuo;
- le rare volte in cui si presentano a una cena di mamme, o a una riunione scolastica, e passano il tempo a leggere le email sullo smart phone;
- ecc

Ma, davvero, siamo così diverse? E in tutto questo le tate, spesso a loro volta mamme, cosa pensano? 

Dicci cosa ne pensi!


Io lavoro da casa. Mi occupo

Io lavoro da casa. Mi occupo di mia figlia che frequenta il nido la mattina. Al parco scambio anche 2 parole con le tate, sempre su temi che escono spontaneamente e mai riguardanti ai bambini. Le tate non mi piacciono molto, come persone (come tutti noi) possono essere simpatiche e alcune di loro hanno storie precedenti ammirevoli, i miei vicini di sopra sono fortunati perche' hanno una tata laureata in scienze dell'educazione in Bolivia.
Della tata non mi piace che un'altra mi lasci la figlia col moccio senza pulire e le scarpe slacciate, che la azzuffi e la chiami cattiva quando io non ci sono perche' non si fa pulire il moccio e non avvisa che ha le scarpe slacciate (?), che gli urli o gli sparli dietro o sparli di me, purtroppo questa e' una attivita' che porta via molto tempo alle tate mentre sono al parco. Mi da fastidio che invece di guardare i bambini che hanno a carico se ne stiano li' a fare telefonate infinite.
Preferisco una struttura a una tata, definitivamente.

Ho provato tutte e due le

Ho provato tutte e due le categorie e i sento pertanto abbastanza obiettiva. Sicuramente la mamma full time ha la serenità, la pazienza e soprattutto il tempo per fare un sacco di cose in più. ad esempio, ora che sono momentaneamente a casa (spero) posso concedermi il lusso di invitare amichetti dopo scuolo così, anche se mi distruggono casa, la mattina dopo ho tutto il tempo x pulire e sistemare. riesco ad organizzare compleanni, fare le torte in casa, preparare lavoretti ... insomma, il tempo è la cosa più preziosa.
Lavorando ... non si può pretendere di fare tutto, a rischio la salute mentale ! Purtroppo lavorare non sempre è una scelta ma un obbligo e allora ... ammirazione massima x quelle che comunque ci riescono !

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero