Le "altre" mamme di Manhattan: le tate

Teaser Description: 
Il New York Times le celebra con una mostra fotografica multimediale

Tate e Babysitter, mostra sul New York TimesUno sguardo, sensibile e attento, sulle babysitter della Grande Mela e sui bambini di cui si prendono cura. E' quello che Michele Asselin posa, per il New York Times Magazine e attraverso l'obiettivo della sua macchina fotografica, sulle nanny della Grande Mela.

Regalandoci ritratti, e storie, che vanno dritto al cuore del dibattito sul mestiere di babysitter, per lo meno a New York: stipendi altissimi, genitori-boss più caprocciosi dei figli, responsabilità che forse dovrebbero essere di mamma e papà. E poi: tanti guadagni ma poco riconoscimento sociale.

Ma chi sono "le altre mamme di Manhattan"? Spesso, sono mamme anche loro: come Luz, 40 anni, messicana, che svela: "Passo più tempo con i bambini di cui mi prendo cura che con i miei figli, arrabbiatissimi". Spesso "ereditano" il mestierie, come la 27enne Nikki che viene dalla Jamaica e dice: "Vado al lavoro tutti i giorni sorridendo, se la famiglia è gentile, come hanno fatto mia mamma e mia sorella per anni". Sono anche donne americane, come Michelle che è origianaria di Princetone  avverte: "Meglio che non lo fai, questo lavoro, se non sai mixare al punto giusto fermezza e dolcezza".


Tags:

Le ho osservate venerdì

Le ho osservate venerdì scorso in un parco a downtown e mi sono immaginata appunto quello che c'era dietro quei passeggini che sembrano astronavi...poi leggo l'articolo e trovo conferma.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero