Genitori in rete al Quartiere Boifava

Teaser Description: 
MaP, un progetto per aiutare, informare e fare interagire le famiglie

Nasce dai bisogni visti e analizzati nel territorio questo progetto. Si chiama MaP (Mamme assieme e pure papà) e vuole essere un viaggio verso la genitorialità del quotidiano per famiglie, dall'attesa di un bambino fino ai suoi dieci anni.
Tutto ha avuto inizio al Consultorio Familiare B. Gianna Beretta Molla, un consultorio privato, accreditato ASL. I professionisti si sono guardati intorno, loro che operano in una zona considerata “difficile” e di confine (Chiesa Rossa Gratosoglio). E cosa hanno visto? “Che erano necessari servizi alla genitorialità”, spiega Claudia Mattei, ideatrice del progetto. Da qui l’analisi scientifica e critica di quello che serviva e di quello che poteva venire incontro alle esigenze della "genitorialità di zona". E da qui i professionisti del Consultorio familiare (psicologi, pedagogisti, educatori, medici...) hanno messo le proprie competenze a disposizione per creare una rete integrata nel quartiere. 

Un calendario di attività gratuite (o a costi simbolici) per sostenere, informare, ma anche intrattenere con qualità i bambini e i genitori: corsi pediatrici, di massaggio infantile, percorsi di accompagnamento alla nascita, pronto soccorso pediatrico, oasi allattamento (“per non vivere allattamento come prestazione”), giochiamo (uno spazio in cui i bimbi da 1 a 6 anni passano del tempo qualificato con un genitore, accanto a un’educatrice), laboratori espressivi per bambini, percorsi di ascolto del corpo che cambia in gravidanza attraverso l'auto-shiatsu e tanto altro ancora.

L’idea è quella di trovare insieme risposte, magari facendo un laboratorio creativo sulle emozioni o seguendo una lezione di massaggio infantile. I professionisti “servono” come spunto e stimolo, ma quello a cui si punta è creare un gruppo di interazione tra genitori. Mentre sei ad un incontro sull’allattamento per esempio, la risposta che cercavi arriva proprio dalla mamma seduta accanto a te.

E piano piano la rete si sta formando. Le mamme soprattutto stanno partecipando alle varie attività, tornando, incontro dopo incontro. E iniziano a conoscersi, a parlare di più fra loro. “Milano è una città faticosa per i genitori, perché c’è una forte cultura della performance. Devi allattare, essere perfetta, avere competenze innate. Noi vogliamo cercare di riportare su altri tempi la genitorialità, focalizzandoci sul benessere più che sulla prestazione”, conclude Claudia.

Info: via Boifava 15/a, 02 89532759, progettomap@consultoriogbm.it

Di Cristina Colli

Bella iniziativa! Mi

Bella iniziativa! Mi piacerebbe saperne di più sul pronto soccorso pediatrico...è già attivo?

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero