Famiglie: a Milano 1 su 4 è mono genitore

Teaser Description: 
La fotografia di Smallfamilies e i consigli per organizzare le vacanze

A Milano 1 famiglia con figli su 4 è monogenitoriale (dati Comune di Milano 2014). E nell’85% dei casi il capofamiglia è una madre. “Le mamme single della nostra regione lavorano di più di quelle in coppia, ma sono sempre più povere. Perché sono monoreddito, hanno un lavoro più precario, guadagnano meno, hanno grossi problemi di conciliazione casa lavoro. Secondo l'Istat, il 24,9% delle madri single è a rischio povertà”, parte così, dai numeri, Gisella Bassanini, fondatrice dell’associazione Small Families. Un sito di servizio e un’associazione che oltre a dare informazioni, offrire la consulenza di professionisti e fare rete, si impegna a fare emergere una nuova cultura della famiglia “Mancavano anche i libri che raccontassero la nostra realtà quando siamo nati nel 2012”. Per non parlare delle vacanze, uno dei momenti più complicati per le famiglie a geometria variabile. Per questo è nato il bollino vacanze Smallfamilies® friendly, un riconoscimento dedicato esclusivamente a quelle realtà turistiche che rispettano parametri importanti per le smallfamilies.

RADIOMAMMA: Cosa è oggi una famiglia monogenitoriale, a geometria variabile?
SMALLFAMILIES Oggi ci sono tante tipologie di famiglie con 1 genitore solo: per separazione, per vedovanza, per fuga o per scelta. Sono in aumento e si sta abbassando l’età dei genitori (35/40 anni) e sta crescendo il numero dei figli piccoli.

RADIOMAMMA: Perché questo lavoro sulle strutture turistiche small families?
SMALLFAMILIES E ’un progetto pilota, risultato di un’indagine fatta online nel 2015. Dalle risposte è emerso che la prima difficoltà per le vacanze è economica (il minore con 1 solo adulto paga tariffa intera e rende impraticabile la vacanza a molti), poi c’è il sentirsi soli in mezzo a famiglie numerose (per i genitori single e i figli di genitori single è utile e importante invece stare insieme) e il non avere servizi che ti permettono di “staccare”, di prenderti un’ora per te. Così abbiamo pensato di fare vedere queste esigenze al settore turismo e soprattutto a metterli in rete, perché un vero cambiamento sociale e culturale c’è solo se non si tratta di casi isolati, ma se diventa un fenomeno diffuso. Il progetto è partito quest’anno con il Resort La Francesca di Bonassola in Liguria, che si è attivato per rispettare i parametri smallfamilies. E chiediamo a tutti di segnalarci le strutture che sperimentano

RADIOMAMMA: Quali sono i parametri per dire che una realtà turistica sa accogliere le famiglie monogenitoriali?
SMALLFAMILIES: Anche in alta stagione lo sconto 1 + (cioè il minore con 1 adulto non paga tariffa piena); servizi per i figli (attività, baby sitting); servizi per i genitori soli (attività, conferenze, relax); possibilità di condividere stanze e appartamenti tra famiglie monogenitoriali; offerte per settimane Smallfamilies mirate all’aggregazione e l’incontro (workshop, serate a tema)

RADIOMAMMA: Esistono leggi a tutela delle famiglie monogenitoriali in Italia?
SMALLFAMILIES Esistono solo due leggi a livello regionale (Veneto e Lombardia) e una proposta di legge (Calabria) In Lombardia la legge regionale n. 18 del 24 giugno 2014 prevede un contributo economico, in alcune condizioni di fragilità, ma solo per situazioni di monogenitorialità derivanti dalla rottura di un matrimonio

RADIOMAMMA. Come è la situazione all’estero?
SMALLFAMILIES In Inghilterra c’è Gingerbread, oggi presieduta dalla scrittrice JK Rowling, che si batte dal 1904 per i diritti dei genitori soli. In America c’è la figura del coach per genitori single, in Spagna c’è Isadora Duncan che si occupa principalmente di lavoro, formazione e economia. Ci sono reti in Francia, Scozia, Svezia Reti o associazioni di accompagnamento. Pubbliche e/o private convenzionate con il pubblico

RADIOMAMMA: In Italia?
SMALLFAMILIES: Da noi ci sono servizi di mediazione famigliare, ma pochissimi o assenti aiuti di accompagnamento al genitore solo o dopo la separazione. L’unica realtà pubblica di questo tipo è a Bolzano. E’ un’associazione nata nel 1994, che offre diversi servizi (consulenza legale, psicologica, mediazione familiare) e varie attività: incontri, conferenze e convegni su temi specifici, gruppi di contatto (mutuo-aiuto) in tutto l’Alto Adige. www.alleinerziehende.it. E per quanto riguarda i consumi le small families non esistono ancora. Come una volta non esistevano le confezioni per single ai supermercati ricordate? Da noi a Milano per esempio sui mezzi c’è lo sconto per famiglie numerose, che in Lombardia sono in diminuzione, ma niente per noi small families.

RADIOMAMMA: Quali sono gli ambiti su cui bisogna lavorare?
SMALLFAMILIES Sostegno al reddito, la casa (è una delle urgenze per le small families), interventi nelle scuole (per portare il tema delle famiglia che cambia) e il welfare aziendale. Le aziende dovrebbero cominciare a porre attenzione alle famiglie monogenitoriali, perché hanno problemi di conciliazione. Per esempio se lavori a turni e sei solo come fai? Non sono questioni diverse da quelle che hanno gli altri genitori, ma sono difficoltà amplificate se sei solo, monoreddito e magari con una rete non ampia di aiuti.

RADIOMAMMA: Se dovessi dare quattro consigli a una neo mamma small families quali daresti?
SMALLFAMILIES Non sentirti sola e evita l’isolamento. Soprattutto in una prima fase la condivisione con altri genitori soli ti fa un gran bene. Fare community anche solo per un periodo, ti aiuta a non sentirti sola e “unica” e aiuta anche i tuoi bambini a non sentirsi “diversi”. Secondo: cerca un contatto con un’associazione o una realtà di genitori dove puoi trovare risposte, consulenti specifici, servizi. Terzo: cerca giusti consulenti. E’ importante imparare a separarsi bene. Una buona separazione lo puoi scegliere con consulenti che non alimentano la tua rabbia. E infine: attivati. Quando incontri altre storie e genitori e vedi che ci sono situazioni di estrema disagio, vuoi fare qualcosa…

di Cristina Colli


Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero