Ecco xche i nostri figli sono "egoisti"

Teaser Description: 
Successo e felicità + importanti dell'altruismo. E la colpa è dei genitori, parola di Harvard

Bambini egoisti, HarvardSicuri che i valori che intendiamo insegnare ai nostri figli coincidano con quelli che effettivamente trasmettiamo con il nostro esempio?

La prestiogiosa Harvard University giura di no. E su un tema importantissimo: aiutare gli altri. Secondo i suoi studiosi, per i nostri figli l'altruismo conta meno dell'ottenre buoni risultati e della felicità personale. I numeri, contenuti nello studio Making Caring Common,  parlano chiaro: l'80% di 10mila studenti delle medie e del liceo ha spiegato ad Harvard che la felicità personale e le buone performance sono più importanti dell'aiutare gli altri. Soltanto il 20% dei ragazzi intervistati dichiara l'altruismo come sua priorità numero 1.

Ma a colpire è soprattuto questo dato: mentre il 96% dichiara di voler crescere figli con valori etici e attenti ai bisogni del prossimo, l'80% degli studenti intervistati da Harvard è pronto a giurare che anche per i suoi genitori la felicità e i buoni risultati in realtà contano di più. Stessa musica per quanto riguarda i loro insegnanti e professori.

Secondo The Atlantic, il magazine americano che ha pubblicato i risultati dello studio di Harvard, non sono solo i nostri figli a ricevere un esempio diverso dai valori che intendiamo insegnare e trasferire: anche gli educatori, dal nostro comportamento durante colloqui e assemblee di classe, capiscono che il successo e la felicità personale sono considerati una priorotà rispetto all'empatia e all'altruismo.

Che fare? Ad Harvard non hanno dubbi: insegnare, con l'esempio, a prendersi cura degli altri. E offrire ai nostri figli l'occasione per provare a farlo, si tratti di aiutare un compagno di classe o di attivarsi per chi ha bisogno nel proprio condominio o quartiere.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero