Agenda

Archivio News

Bonus e novità fiscali family

Teaser Description: 
Lavoro, casa, paternità, babysitter, scuola. Gli aiuti e agevolazioni fiscali per il 2016 dedicati ai genitori e come ottenerli

Bambino in arrivo, neonato all’asilo, nonno da curare, lavoro da trovare…Ma i sostegni fiscali ci sono? Abbiamo cercato le agevolazioni e i bonus dedicati a mamma e papà per l’anno appena cominciato…

Lavoro: incentivo alle imprese che assumono mamme e papà iscritti alla Banca dati per l’occupazione di giovani genitori
Incentivo di 5mila euro all’azienda che assume o trasforma in tempo indeterminato il contratto di mamme o papà iscritti alla Banca Dati per l’occupazione di giovani genitori. Possono iscriversi geniotori con figli minorenni, che abbiano fino a 35 anni e siano disoccupati o con contratti diversi da quello a tempo indeterminato. Per iscriverti: www.inps.it  - Alla pagina Servizi per il cittadino”, con codice fiscale e PIN (puoi richiederlo online o chiamando il numero verde 803.164)

Casa: sconto Imu e Tasi per i separati
Imu e Tasi al 50% per la casa in comodato d’uso gratuito a figli e parenti in linea retta entro il primo grado. Il contratto di comodato deve essere regolarmente registrato all’Agenzia delle entrate e lo sconto vale solo per chi possiede solo due immobili, una prima casa e la seconda che si concede in comodato. Lo sconto riguarda anche per i separati e divorziati la cui casa è stata assegnata all'ex da una sentenza di separazione

Neo-genitori: 80 (o 160 euro) al mese per le famiglie con ISEE inferiore a 25mila euro
Possono chiedere il bonus bebè le famiglie dove nascono o vengono adottati (o affidati) bimbi dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2017. Per fare richiesta bisogna avere l’ISEE inferiore a 25mila euro e fare domanda entro i 90 giorni dall’ingresso in famiglia del piccolo.  Il bonus non è quindi automatico, ma va richiesto. Sono 80 euro al mese (con ISEE inferiore a 7mila invece sono 160 euro mensili) fino ai 3 anni del bimbo. Possono chiederlo i genitori italiani, comunitari o extracomunitari (con carta di soggiorno oppure status di rifugiati politici o la protezione sussidiaria).  La domanda puoi farla tramite i patronati o il Contact Center dell’Inps (803164 da fisso o 06164164 da mobile) o online sul sito dell’Inps - Alla pagina Servizi per il cittadino”, con codice fiscale e PIN (se non ce l’hai puoi chiederlo online o chiamando il numero verde 803.164)

Paternità: due giorni in più di congedo per i neo papà
Per i neo papà che sono lavoratori dipendenti il congedo parentale obbligatorio passa da uno a due giorni, che potranno essere utilizzati anche non continuativamente e anche durante il congedo di maternità della madre lavoratrice.

Maternità: voucher anche per le lavoratrici autonome e le imprenditrici
Anche nel 2016 le mamme lavoratrici che rinunciato al congedo parentale possono chiedere all’Inps il voucher per pagare una babysitter o una parte della retta di asili nido pubblici o privati accreditati. Novità: anche le lavoratrici autonome e le imprenditrici ne hanno diritto, non solo le dipendenti. 600 euro al mese per 6 mesi per le dipendenti, 600 euro al mese per 3 mesi per le altre mamme lavoratrici. La richiesta si fa all’INPS, per via telematica (www.inps.it Servizi per il Cittadino, con il proprio PIN, se non ce l’hai può richiederlo online o al numero verde 803.164) o attraverso il supporto dei patronati. Ancora non è stato comunicato quando si potranno iniziare a chiedere i voucher per il 2016.

Assistenza a un familiare: bonus per i dipendenti pubblici
Si chiama Home Care Premium. E’ un aiuto economico di 1200 euro al mese per chi assiste un familiare anziano non autosufficiente o un parente diversamente abile. Puoi fare richiesta all’Inps entro il 30 giugno 2016, ma solo se sei un dipendente pubblico.

Figli diciottenni: la card per la cultura
I ragazzi che compiono 18 anni nel 2016 avranno una card con 500 euro da spendere per musei, mostre, eventi culturali, ma anche concerti dal vivo e acquisti di libri. Ancora non è stato stabilito come avverrà la distribuzione.

Famiglia numerosa: la card per chi ha più di tre figli
Annunciata la carta famiglia per i nuclei familiari con più di tre figli. Una carta, emessa dai Comuni, servirà, in base all'Isee, a ottenere sconti a servizi privati e pubblici che aderiranno all'iniziativa (trasporti, eventi culturali, sportivi, ludici, turistici). Entro marzo saranno varati i decreti attuativi che definiranno bene i contenuti e i beneficiari


Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero