Bimbi disabili

Teaser Description: 
Al Museo della Scienza, con L’abilita onlus, i laboratori sono per tutti

“Inclusione”, è la parola più ripetuta da Carlo Riva, direttore di L’abilità onlus, quando ci ha raccontato il progetto che porterà il Museo della scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci a essere “fruibile da tutti i bambini, anche con disabilità”. Il nome stesso lo dice: Scienzabile-inclusione e gioco tra scienza e disabilità. Il progetto è interamente cofinanziato da Fondazione De Agostini e in 18 mesi ha l’obiettivo di dare al Museo i percorsi e gli strumenti per permettere ai bimbi disabili di godere a pieno di visite guidate e laboratori interattivi. “E’ vero che oggi possono già accedere tutti alla struttura, perché non ci sono barriere architettoniche, ma noi andremo a lavorare sui contenuti”, spiega Riva.

Come è nata l’idea?
Al Museo ci sono laboratori interattivi per bambini durante la settimana, il weekend e i giorni di vacanza. Abbiamo riscontrato una criticità: molti laboratori sono poco comprensivi ai bambini con disabilità che arrivano con la propria classe o famiglia, sia per contenuti sia per metodo. Parliamo di deficit sensoriale, ritardo mentale e deficit cognitivo e motorio. Così è nata l’idea di lavorare insieme per cambiare le cose.

Che cosa cambierà?
Questi bambini quando parteciperanno ai laboratori troveranno attività adeguate, per capire cosa devono fare loro e cosa stanno facendo i loro compagni. Il laboratorio sarà fatto per tutto il gruppo, come sempre, ma se un bimbo non riesce a farlo come gli altri, l’operatore del museo sarà preparato per proporre attività alternativa, ma insieme agli altri. Non parliamo assolutamente di percorsi dedicati, a parte. Il bimbo sarà sempre nel gruppo. La logica è sempre e solo inclusiva. Se la classe va al Museo per provare il Laboratorio delle bolle e il bimbo con autismo ha difficoltà, l’operatore lo farà partecipare attivamente, ma usando altre risorse e strumenti. Questo riguarderà tutti i bambini dai 6 ai 10 anni, per tutte le visite guidate e per alcuni laboratori.

Insegnanti e genitori che accompagnano avranno un ruolo attivo?
Su sito ci sarà del materiale da scaricare e usare a casa e/o a scuola per preparare il bimbo all’ingresso al museo. I genitori e gli insegnanti potranno accedervi liberamente e se non potranno scaricarlo, verrà mandato a casa per posta, dopo la prenotazione del laboratorio o della visita.

Tutto questo quando vedrà la luce? Vi siete dati dei tempi?
Siamo partiti, ora c’è la fase progettuale: stiamo studiando i laboratori proposti dal Museo per vedere cosa e come cambiare contenuti e metodo e stiamo preparando il materiale che serve. Poi inizia la formazione degli operatori museali. Questo fino a gennaio, febbraio. A quel punto sperimenteremo i percorsi con piccoli gruppi di nostri utenti e monitoreremo l’andamento per due mesi. A quel punto si aprirà al pubblico.

di Cristina Colli

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero