Adozioni: i bambini non si scelgono

Teaser Description: 
La Cassazione stoppa i decreti "razzisti"

adozioni internazionaliUn bambino è un bambino, qualsiasi sia il colore della sua pelle. La procura della Cassazione ha detto no alle coppie che chiedono uno o più bambini in adozione indicando, però, di non essere disponibili a ricevere bimbi di pelle nera o di etnia non europea. Il procuratore generale della Suprema Corte ha così accettato un esposto dell’Associazione Amici dei Bambini (uno dei maggiori enti autorizzati alle adozioni) e ha espresso questo orientamento davanti alle Sezioni Unite, che dovranno prendere posizione al più presto.

La vicenda è partita a seguito di un decreto con il quale il tribunale dei minorenni di Catania nel 2009 aveva dato la ‘patente’ di idoneità all’adozione a marito e moglie che non volevano bambini neri o di etnia non europea. L’ennesimo di tanti: è prassi in alcuni Tribunali porre vincoli o condizioni all'adozione e i decreti di idoneità “mirati”, cioè recanti indicazioni sull’età, lo stato di salute, il sesso e anche l’etnia dei bambini, sono stati il 25% del totale anche nel 2009.

Secondo AiBi – il cui parere è stato condiviso dalla procura della Cassazione – consentire alle coppie di scegliere il colore della pelle dei bambini viola numerose convenzioni internazionali e il principio di uguaglianza stabilito dalla nostra Costituzione. Le Sezione Unite potranno ammonire tutti i tribunali di merito a non accogliere più, d’ora in avanti, richieste di adozioni subordinate ad indicazioni razziali. C’è grande soddisfazione, tra i genitori adottivi di AiBi, che come associazione porta avanti questa battaglia da anni: “Con questa rivoluzionaria posizione”, si legge sul sito dell’ente, “la procura della Suprema Corte ha aperto la strada all’abolizione dei vincoli che impediscono la concreta realizzazione del progetto adottivo: non solo il colore della pelle, ma anche l’età del minore e il suo stato di salute”.

 

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero