Team building x famiglie

Teaser Description: 
Al Castello Sforzesco una caccia al tesoro speciale. Conosci la storia e fai squadra con genitori e fratelli. E anche i più timidi qui alzano la mano

Team building formato famiglia al Castello. Eh sì, Radiomamma ha provato la Caccia al tesoro organizzata da Ad Artem al Castello Sforzesco ed è proprio così: genitori e figli fanno squadra per arrivare al tesoro e passo dopo passo, quanto si parla e che complicità che si crea!

LA CACCIA AL TESORO AL CASTELLO SFORZESCO
“Una terribile sciagura si è abbattuta sul Castello di Milano...qualcuno è riuscito a superare le alte mura e a rubare il ricchissimo tesoro del duca…Grandi e piccini, dame e cavalieri, tutti sono chiamati a partecipare all'impresa. Cimentati in prove di abilità, indovinelli e molto altro per aiutare le guardie di corte a trovare i ladri e a recuperare il tesoro”. Si parte dall’info point, con la lettura del bando regale. E già la storia irrompe (lo sapevi che il Castello Sforzesco non si è sempre chiamato così?). Ogni famiglia è una squadra (che si sceglie un nome, che scrive sul cartoncino che si appende al collo), ogni bimbo ha un kit (materiale indispensabile per arrivare al tesoro) con tanto di mappa dove incollare i vari pezzi, indizio dopo indizio. Due ore circa e alla fine si arriva al tesoro (con premio per i piccoli e anche per i genitori)

VISITA ITINERANTE: CONSIGLI E’ un’attività itinerante: si corre, si cammina (scarpe comode d’obbligo), si cerca l’ombra. Ogni famiglia “prende l’indizio e va…”. La guida aspetta i partecipanti ogni volta in un punto diverso (indicato) e ogni squadra ha il tempo che vuole per risolvere gli enigmi e arrivare con l’indizio successivo. Tra indovinelli e prove di abilità si visita gran parte del Castello (la parte esterna) imparando a conoscerlo, senza accorgersene. Capisci anche come è fatto, perché è stato costruito così e perché ogni pezzo è lì e non altrove.

IMPARARE LA STORIA GIOCANDO, ANCHE SE SEI TIMIDO E’ una visita didattica dove non c’è nessuna lezione frontale ma tanto coinvolgimento. Ma non come siamo abituati a vedere nelle visite interattive a mostre e musei, qui “escono” anche i più timidi (i bambini che non alzano mai la mano per dire la loro in pubblico), qui si espongono tuti, perché sono nella loro squadra, con i loro genitori E nella squadra ognuno ha il suo ruolo e “si vince” se ognuno partecipa attivamente

TEAM BUILDING PER FAMIGLIE E’ un gioco di squadra per famiglie dove si fa family building. Perché? Perché si crea affiatamento, tutti tornano bambini (anche i genitori) e si capisce che per andare avanti si deve collaborare, l’obiettivo è comune. Poi le attività comportano un continuo confronto. Davanti alle mura io e il mio novenne abbiamo discusso dieci minuti per individuare le caditoie…Ognuno di noi aveva la sua teoria su cosa fossero e che forma avessero. Abbiamo confrontato le varie versioni e alla fine dato il nostro verdetto. (Abbiamo indovinato)

DRITTE FAMILYFRIENDLY La caccia al tesoro è consigliata per bambini dai 6 ai 10 anni. In effetti trovi un mix di cose più facili e più difficili. E a noi adulti piace perché l’attività è divertente (a chi non piace la caccia al tesoro!) e in più impariamo molto sul castello (che spesso non conosciamo, pur avendocelo davanti). Bottiglietta d’acqua indispensabile: gran parte dell’attività è al sole e poi si cammina e si corre, per arrivare al tesoro. Se hai bimbi piccoli al seguito niente passeggino ma marsupio (i ciottoli non perdonano!) E scarpe da ginnastica per tutti!

COSTI: 10 EURO PROSSIMO APPUNTAMENTO 14 MAGGIO ORE 15:30 (per info sulle attività di Ad Artem al Castello CLICCA QUI

di Cristina Colli

Zona: 
Zona 1 - Centro storico
Legenda: 


Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero