L'Orto botanico di via Valvassor Peroni

Teaser Description: 
L'oasi verde che non ti aspetti a Lambrate
Mappa piccola: 

Javascript is required to view this map.

Javascript is required to view this map.

A zonzo nell'orto botanico di Cascina Rosa

Diciamolo subito:  in quest'orto botanico creato dall'Università Statale su un'area dismessa in zona Lambrate è vietato introdurre cani, biciclette e monopattini, giocare a pallone, raccogliere fiori, mangiare frutti,  toccare l'acqua del laghetto e armarsi di paletta e secchiello per fare travasi con la ghiaia dei vialetti. Il Vademecum del visitatore sembra fatto apposta per scoraggiare un utilizzo da parte delle famiglie, ma sarebbe un peccato.

Già perchè questo orto botanico, che non è un giardino pubblico ma uno spazio universitario, è davvero un'oasi verde dentro la città. Con prati immensi, panchine in legno incorniciate dalle piante, serre e cartelli che raccontano nomi e specie delle piante. In più, le sere d'estate, si apre al pubblico agghindando i suoi vialetti di ghiaia con torce e candele e illuminando con luci colorate le fronde degli alberi. 

Il laghetto
Considerati i divieti suddetti, è l'ideale per mamme e nonni con bimbi in passeggino che cercano un po' di fresco e di verde in città. Oppure per chi ha figli molto disciplinati. Entrando da via Valvassor Peroni, imboccate il primo vialetto di ghiaia e seguitelo gironzolando lungo il perimetro dell'orto botanico che si estende per 22mila metri quadrati. Alla vostra sinistra, avete un grande prato che si affaccia su un laghetto con foglie di ninfea. Avvicinarsi all'acqua è vietato e pericoloso, ma sedersi ad ammirarlo dalle panchine nascoste tra gli alberi lì intorno è davvero rilassante e l'ideale per una pausa. 

Il sentiero di pietre bianche
Per gli amanti di sentieri e sentieri, sulla sinistra del laghetto, dando le spalle alle tre serre gestite dall'Università degli Studi di Milano, trovate un percorso con pietre posizionate in mezzo al prato cui è impossibile resistere: saltate dall'una all'altra senza toccare l'erba che le separa e vi troverete in un altro angolo dell'orto botanico. 

Un percorso olfattivo per non vedenti
All'interno dell'Orto è stato anche allestito un percorso per non vedenti, con piante dotate di qualità sensoriali adatte a persone che presentano difficoltà visive. Le serre sono didattiche, sperimentali ed espositive con laboratori di ricerca e spazi per collezioni di specie succulente e insettivore

L'ingresso è gratuito, e sono previste visite guidate a pagamento da prenotare allo 02.50314842
I bagni, accessibili anche ai disabili, si trovano nella palazzina annessa all'orto

Zona: 
Zona 3 - Porta Venezia, Città Studi, Lambrate
Legenda: 

 

Tags:

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero