La Milano steineriana

Teaser Description: 
Alla scuola di Via Pini nel weekend il Festival del Teatrino e della Fiaba, con spettacoli e laboratori

Un tuffo nel mondo Steineriano e nel Teatro di Figura. La Libera Scuola Rudolf Steiner di via Pini organizza per il weekend (23 e 24 febbraio) la decima edizione del Festival del Teatrino e della Fiaba. Due giorni di spettacoli e laboratori realizzati secondo le indicazioni della pedagogia di Rudolf Steiner. Il tutto per bambini dai 3 anni, genitori e insegnanti, dalle 14 di sabato alle 18 di domenica.  A coordinare le compagnie italiane e straniere in azione c’è Carmen Acconcia, direttore artistico del Festival, pedagoga, marionettista e consulente per il teatro di figura in Italia e Svizzera.
Cosa succede al Festival?
E’ un’occasione per conoscere le diverse tipologie di spettacolo e di tecnica che vengono proposte a seconda delle fasce di età dei bambini: marionette, figure da tavolo, figure a bastone, marionette a guanto, ombre, ecc. Ci sono fiabe dove è più forte l’elemento immaginativo, quello dove si sottolinea di più quello del movimento, fiabe cantate, figure grandi ed espressive, figure più piccole.  Tutti gli spettacoli sono caratterizzati da una cura particolare nella scelta dei materiali usati: lana, seta, cotone.

E poi ci sono anche i laboratori, tra uno spettacolo e l’altro.
Ogni burattinaio racconta una storia con figure e scenografie, da cui il bimbo prende spunto, per costruirne una sua, aiutato dai genitori. Sono figure da tavolo, piccole, quindi adatte anche ai più piccoli, che poi possono portarsi a casa la propria opera.  E poi c’è uno spazio laboratorio sempre aperto, dove si può andare tra uno spettacolo e l’altro, per scaricarsi, per buttar fuori la fantasia.

In due giorni si possono anche vedere tutti gli spettacoli, ma come fare ad orientarsi?
Innanzitutto in base all’età de bambino. Questo è un presupposto pedagogico. All’ingresso c’è sempre qualcuno di noi che consiglia, magari parlando prima con i bimbi. Suggeriamo di non girare come trottole da una parte all’altra, perché questo stanca moltissimo i bambini. Se cercate uno spettacolo un po’ più interiorizzato e delicato sicuramente ci sono Biancaneve rosa rossa (fatta con figure da tavolo, in lana cartata, mosse delicatamente) e Il Principe Ranocchio. Se cercate una rappresentazione risvegliante, dove le risate sono assicurate, allora c’è La volpe e il galletto Crestadoro, con burattini a mano. Se cerate qualcosa per i bambini delle elementari, c’è La fortuna di Gianni, un vero pezzo di teatro dell’austriaco Stefan Libardi.

Il Festival è pensato e realizzato secondo la pedagogia steineriana, cosa significa?
Chiunque metta in scena questi spettacoli ha alla base la conoscenza del bambino nelle sue fasi evolutive, quindi cerca di scegliere le figure in base ai bambini, rispettando le sue fasi evolutive. La formazione antropologica e pedagogica sta alla base di questi artisti.

Nella pedagogia steineriana perché è così importante l’utilizzo del teatro?
E’ importante poter godere, divertirsi e meravigliarsi. E il teatro adempie a questi compiti. E’ formativo, sia se lo si guarda, sia se lo si sperimenta. Ed è rivitalizzante.  Il bambino guarda all’adulto come a qualcosa che lo sovrasta, invece la figura è neutra. Il piccolo si immedesima più facilmente dunque e quindi il messaggio che si vuole trasmettere arriva meglio.  Fiabe, teatro e laboratori aiutano a sviluppare il bimbo e danno le forze per fare uscire allo scoperto il carattere, aiutano ad affrontare la vita, danno soluzioni.

A Milano come è l’offerta in questo campo?
C’è poco teatro per bambini che lavora con una visione pedagogica. Oggi ci si può educare bene se davanti a noi troviamo tante possibilità, spesso invece non abbiamo tanta scelta .

Al Festival anche: area relax per i più piccoli, bar, buffe (domenica dalle 12.30) e una mostra di figure teatrali a cura dell’associazione Figurarteatro. Il programma del Festival su www.liberascuola-rudolfsteiner.it
Dove: Via Tommaso Pini 1 Costo: Ingresso libero, donazione richiesta per i teatrini e i laboratori.

Ed ecco una Mini Guida alla Milano steineriana, fatta con l’aiuto della Libera Scuola Rudolf Steiner di via Pini: luoghi dove trovare libri, giocattoli, vestititi e materiali legati al mondo steineriano

Daelli arte gioco Via L. Porro Lambertenghi, 34. Vendita di giochi, libri, materiale per lavori manuali.  Info: www.arte-e-gioco.it, 02 6688 542 (Per i giocattoli, i libri, il materiale per i lavoretti)

L’Orso Poeta Viale Vittorio Veneto, 18 (entrata Via Lazzaretto, 2) Vendita di giochi, libri, materiale per lavori manuali.  Info:: www.arte-e-gioco.it, 02 2940 5195

L'Aquilone via Bassini 41. Vendita di libri, giocattoli in legno, materiale per lavoretti, colori. Info: www.aquilone-online.com

Bimbo e natura: Vendita online di abbigliamento bebè, materiale per lavori manuali, giochi,libri ecc... Info: www.bimboenatura.it 02 92161468

Centro Botanico, Via Cesare Correnti 10. Vendita di giocattoli, libri, conferenze a tema. Info: www.centrobotanico.it

Per approfondire sul mondo steineriano:
www.rudolfsteiner.it
www.educazionewaldorf.it
www.figurarteatro.org

A cura di Cristina Colli


Zona: 
Zona 3 - Porta Venezia, Città Studi, Lambrate
Legenda: 


Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero