Il parco delle Basiliche

Teaser Description: 
Piazza vetra "east" e "west", con una sorpresa: il chiostro aperto del Museo Diocesano

Javascript is required to view this map.

Alla scoperta del giardino segreto dentro il Parco delle Basiliche

Da che parte di piazza Vetra vai, lato San Lorenzo o Sant’Eustorgio? Guai a liquidare come banalità questa domanda. Sarebbe come dire che non esiste differenza tra i newyorkesi dell’Upper East e Upper West side. Tranquilli, non è per classe o politica che si differenziano i frequentatori del Parco delle Basiliche. Ma per gusti, sì, eccome.

Napoleone re del recinto dei cani
Il lato San Lorenzo, dal nome della basilica paleocristiana che troneggia sul parco, è più “wild”, o, se volete, meno da “perfettini”. Non perché piante e aiuole qui siano una giungla, ma perché l’area gioco - recitanta e attrezzata con dondoli, altalene per grandi e piccoli, un castello in legno e una moderna torre da arrampicata - non è l’unico punto di interesse per genitori, nonni e bimbi. Ci sono anche Napoleone, Chanel, i barboncini gemelli con guinzaglio rosa per la femmina e blu per il maschio, il levriero e tutti gli altri frequentatori dell’area cani: guardarli correre seduti in ginocchio sulle panchine verdi appena fuori dal loro recinto, impararne i nomi e i “fidanzamenti”, è un gioco spassosissimo per le famiglie amiche degli animali e convinte che osservarli sia un’esperienza educativa. E poi ci sono i Punk – sì, quelli con la cresta – che si incontrano dietro l’abside di San Lorenzo: perché hanno  i capelli a punta? E gli occhi neri neri? E le unghie colorate anche se sono dei maschi? Se avete pronte le risposte, questa parte del parco è il luogo ideale per chi non crede che i giardinetti debbano essere una “riserva indiana” per carrozzini, monopattini, nonne, tate e genitori.

 

Corri che passa la 94....
E il lato Sant’Eustorgio? Alt: prima affrontiamo la spinosa questione dell’attraversamento di via Molino delle Armi. Per le mamme - specie quelle bici munite costrette ad infilarsi nei pochi centimetri non coperti da cordolo che segna la corsia preferenziale dell’Autobus 94 – è un’ansia: le più caute, vanno al semaforo, le altre incrociano le dita e si buttano. Arrabbiate: perché è dal 1956 che si discute di interrare il passaggio automobilistico e che non si fa niente!

 

Calcetto, feste e motomerenda
Eccoci al lato Sant’Eustorgio: quello delle feste nel pratone – gli alberi più adatti per appendere striscioni sono immediatamente dietro all’area giochi accanto alla fontanella – delle partite di calcetto e del ponte scivolo. O fortino scivolo. O passerella. O…ognuno lo chiama un po’ come crede. La sostanza, nella prima area giochi attrezzata e recintata che incontrate entrando al parco da via Molino delle Armi, è un ponte di legno, ma saldamente ancorato a terra, su cui correre come matti e arrampicarsi per poi tornare a terra con uno scivolo adatto anche ai bambini più piccoli. Si presta a fare la nave pirata, il fortino e, a volte, anche la passerella per interminabili “partite” di un due tre stella…. Usciti dal “recinto”, avete due opzioni. Seguendo il vialetto di rose sulla sinistra, arrivate a un’altra area gioco con castello in legno e altalene e, dopo quella, a un altro bel pratone con un grande albero su cui arrampicarsi. Da queste parti, nei pomeriggi estivi, staziona la “motomerenda” con bibite e gelati. Prendendo la destra, invece, un viale alberato, e molto ben ombreggiato, porta a un giardino segreto dentro al giardino in cui state camminando. Di che si tratta?

 
Il giardino segreto dentro al parco
E’ il chiostro del Museo Diocesano, un’oasi di tranquillità che è parte dell’antico convento dei Domenicani. Di norma, al chiostro si può dare solo una sbirciata entrando al museo: ma correre nel prato, e sotto i portici, è vietato. Dal 21 al 24 maggio, però, in occasione della mostra mercato Chiostro in Fiera, parte delle attività di raccolta fondi del Museo Diocesano, l’ingresso è libero.  Il chiostro ospita una mostra mercato di arte, artigianato, presidi gastronomici e piante. E, domenica, un laboratorio di fiori per bambini a partire dalle 15.30. A organizzarlo, Ad Artem, che organizza i centri estivi per bambini all’interno del Museo e il suo ricco programma didattico.

 

Al Museo Diocesano: caccia grossa dentro i quadri
Qualche esempio? “I laboratori didattici per bambini legati alle nostre esposizioni temporanee”, spiega Nadia Righi, conservatore, “mentre i genitori visitano il museo, i bambini lavorano sul tema dell’esposizione. Perché, tornati a casa, abbiamo un tema comune e diversi spunti di discussione”. Legati alle esposizioni permanenti, invece, i laboratori tipo “Caccia Grossa”, in cui i bambini vanno alla ricerca di animali e personaggi tra le opere d’arte del museo. (per informazioni e iscrizioni 02 89420019)

 

Zona: 
Zona 1 - Centro storico
Legenda: 

 

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero