Un gas di famiglie e un mercatino dell’usato per le mamme

Teaser Description: 
Le sfida di MaMi

Ricordate Renata Guizzetti e Lorena Apzori? Le due mamme che, chiacchierando e diventando amiche durante un corso per il massaggio neonatale, hanno deciso che bisognava dare una marcia in più a Milano, con una realtà a supporto di mamme e bambini. Si sono inventate una “casa”, senza orari rigidi e accogliente per le mamme e i loro piccoli e hanno fondato MaMi, Mamme a Milano. Era l’ottobre del 2009 quando le chiavi aprirono il portone.  Di tempo ne è passato e cosa è successo?

MaMi Mamme ha dato vita a un gas (ottobre 2010), gruppo di acquisto solidale, che per ora si concentra sull'acquisto di frutta e verdura biologica, formato soprattutto da famiglie con bambini piccoli, mamme, nonne….  Poi c’è il mercatino dell’usato, dove le mamme possono scambiarsi vestitini e articoli di puericultura. Coinvolge più o meno una quindicina di mamme, che “vendono”, ma a fare acquisti arrivano da ovunque…
E poi ci sono i numeri…. “Siamo circa una decina di mamme ora , tutte volontarie. Siamo partite in due, ma dopo poco tempo si è creato un gruppo di mamme che frequentava in modo abituale e faceva  proposte per ampliare l'offerta delle attività e dei servizi a MaMi, ma soprattutto per garantire orari di apertura flessibili tutta la settimana” raccontano. Difficile, contando che le volontarie sono quasi tutte mamme lavoratrici. Ora i nuovi orari della “casa” per future e neomamme con bimbi è: dal martedì al venerdì, dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 16:00 alle 19:00, più la prima e la terza domenica del mese.

In quasi un anno e mezzo di attività l'associazione ha raccolto molte adesioni, circa 150 socie (quota associativa di 15 euro), nuovi servizi come il gas e poi?
Abbiamo ampliato l'offerta delle attività mamma-bambino, aggiungendo la danza terapia e la musico terapia, e con l'aiuto di due psicologhe volontarie, abbiamo organizzato un cineforum dedicato ai temi della genitorialità.
Inoltre ci stiamo specializzando nel servizio feste. Da mamme abbiamo ben presente la difficoltà che comporta lo star dietro a una festa di bimbi piccoli: far la spesa, le bibite, piattini, bicchierini, ecc.. Oltre a sistemare gli spazi della nostra sede affinchè la festa piaccia a grandi e piccini, ci incarichiamo anche di fare la spesa al posto della mamma, che così si può godere la festa senza troppo stress.
Un altro servizio è la possibilita' di trovare una baby sitter referenziata, che abbia caratteristiche in linea con le esigenze della famiglia che cerca. Abbiamo battezzato questo servizio il "trovatate" e le mamme lo apprezzano molto. Per prima cosa facciamo un colloquio accurato con le mamme stesse, cosí da effettuare una ricerca mirata, e poi accettiamo una donazione solo nel caso in cui la segnalazione della tata vada a buon fine. Come per tutte le attività che proponiamo, stiamo molto attente all'aspetto economico, perché riteniamo fondamentale che l'associazione possa essere accessibile a tutti, e non prerogativa di pochi.

Facciamo un bilancio: siete riuscite nel vostro obiettivo iniziale?
Forse all'inizio abbiamo pensato che MaMi potesse davvero diventare un lavoro, ma erano gli ormoni dell'allattamento a parlare: eravamo in quella fase in cui mai e poi mai avremmo pensato di staccarci dai nostri figli, quindi con la gestione dell'associazione pensavamo di salvare capra e cavoli. Però anche le mamme crescono, gli ormoni passano e così è arrivato un momento in cui abbiamo avuto voglia di tornare ai nostri vecchi lavori. Quindi questo obiettivo iniziale è venuto meno, ma per fortuna si è concretizzato l'altro obiettivo che ci eravamo date: dare un aiuto concreto alle neomamme, un luogo fisico, reale, dove andare e trovare supporto e amicizia. Si sono create delle belle amicizie, e da "adulti" è piuttosto raro che accada.

Progetti futuri?
Per Natale abbiamo pubblicato un libro di filastrocche-gioco pensate per i piccolissimi, "Apri gli occhi, apri le mani", che si può comprare nel mercatino di MaMi o anche on-line.
Una delle nostre socie ci ha suggerito che potremmo fare un libro raccogliendo le storie tragicomiche di noi mamme di MaMi. Chissà, potrebbe essere il nostro secondo libro...

Via Astolfo 19 (metro Lambrate), www.ma-mi.it/

a cura di Cristina Colli

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero