Ti ho chiamato figlio

Teaser Description: 
Lettera a una donna che vorrebbe essere madre

E' un uomo che ha preso il coraggio di scrivere a una donna, a tutte le donne, Antonio Fatigati. L'argomento è dei più incandescenti, essere e diventare madri. O "desiderare di diventare" madri.
Autore di commedie teatrali, giornalista, padre di due ragazzi, fondatore dell'associazione Genitori Si Diventa - una delle più interessanti realtà italiane impegnate nell'accompagnamento delle famiglie adottive - Fatigati si augura sinceramente che la sua lettera-libro, intitolata "Ti ho chiamato figlio" (edita da ETS per la collana Genitori Si Diventa) venga letta soprattutto "dalle donne in gravidanza".

Radiomamma: Quanto è difficile parlare di maternità a una donna?
Antonio Fatigati: Questa lettera è il risultato di un percorso, direi il compimento di una maternità da parte di un uomo. Ed è il risultato di tanti anni di contatto con i problemi genitoriali. L'essere padri e madri è ciò che più di profondo ci riguarda. Non è stato faticoso scriverne. Il desiderio di avere figli è un pensiero che non ha genere, riguarda il voler essere nel mondo attraverso di loro. Paradossalmente la donna, attraverso il fattore biologico, fatica di più a sviluppare quella riflessione, che porta al riconoscimento del figlio come "altro da sè".

Radiomamma: Ti ho chiamato figlio perché ho fatto una scelta.
Fatigati: Esattamente. Una scelta che prescinde dall'averti generato oppure adottato, ma perché riconosco la tua soggettività, ti scelgo e continuo a sceglierti per ciò che sei, non perché sei "mio".

Radiomamma: Dunque non si è madri solo perché si genera.
Fatigati: E' un'affermazione forte, lo so, ma è vera. Madri, e anche padri, non si nasce. Si diventa. Con una determinazione che ci accompagna giorno per giorno, che chiede alla coppia di essere salda e affiatata per affrontare tentazioni e difficoltà. Ed esprimere un amore che è davvero un dono, che non chiede alcuna retribuzione ed è totale.

Radiomamma: A un certo punto, nella sua lettera, dice che i genitori adottivi sono dei supereoi.
Fatigati: Certo, non in calzamaglia e dotati di superpoteri, ma perché sono in qualche modo costretti a cercare dentro di sè, fin dall'inizio, motivazioni originali, forti e definitive alla genitorialità. Motivazioni non biologiche, che non hanno a che vedere con la somiglianza fisica o con la straordinaria esperienza del parto. Insomma, devono dirsi madri e padri con un viaggio dentro loro stessi che non è richiesto a chi partorisce.

Ti ho chiamato figlioRadiomamma: Ma il loro desiderio di essere padri e madri non si scontra, a volte, con l'ipocrisia di un sistema in cui si ha quasi "paura" di ammettere di volere un bambino?
Fatigati: In realtà è un desiderio che non si riesce ad ammettere più con se stessi che con gli operatori che si occupano di adozioni. Loro, infatti, aspettano pazientemente che arrivi questa ammissione. Nel frattempo, avvengono dialoghi quasi surreali in cui la coppia elenca tutti i motivi "ufficiali" dell'adozione: il "mandato sociale", per cui l'adozione deve essere l'ultima spiaggia per un bambino. O l'ammissione che un figlio non nato non può essere sostituito, che il lutto della sterilità è stato elaborato, che va bene qualsiasi bambino, di qualsiasi età, di qualsiasi etnia...

Radiomamma: Ma a quel bambino che sarà adottato, alla fine, cosa serve?
Fatigati: Servono due che vogliono essere, prima di tutto, padre e madre.

Radiomamma: La scienza oggi apre confini incredibili alla possibilità di generare. Come la pensa su questo?
Fatigati: Penso che sia pericoloso. Più forzi la biologia, allontanandoti dal punto di origine, più fatichi a raggiungere il punto di arrivo, cioé ammettere che il figlio è "altro da te".

Radiomamma: Pensa che in Italia ci sia sufficiente cultura della genitorialità, a prescindere dal fattore biologico? Esiste un fair play legato all'adozione oppure no?
Fatigati: Mi sa che a questo dobbiamo rinunciare: mi pare che si fatichi ancora molto a scindere l'amore genitoriale dal fattore biologico. E questo è un fallimento della nostra cultura e anche delle religioni. L'amore verso un figlio e la capacità di essere padri e madri prescinde da questo. E tutti, in qualsiasi modo siamo diventati genitori, ci misuriamo ogni giorno con questa spaventosa, meravigliosa sfida.

Benedetta Verrini

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero