Quartieri a velocità "limitata".

Teaser Description: 
L'idea di New York e Londra per rendere le strade più sicure

Quartieri sicuri per i bambiniSlow down!, rallenta, recita un cartello stradale nel Bronx, a New York. A fianco della scritta, il disegno di una lumaca e il limite di velocità imposto agli automobilisti per i 6 blocchi successivi, 20 miglia all'ora (l'equivalente di 30Km/h) contro le 30 in vigore nel resto della città.

Che succede? Il cartello segna l'ingresso nella prima "neighbrhood slow zone" della città. Un'area quasi interamente residenziale del Bronx con un'alta concentrazione di asili e scuole e, purtroppo, anche un'alta percentuale di incidenti stradali. Obiettivo del primo quartiere cittadino a velocità limitata, ha spiegato Janette Sadik-Khan della commissione cittadina per i trasporti, "è rendere le strade più sicure". Oltre che incentivare l'uso di mezzi di trasporto meno inquinanti secondo il ragionamento per cui "se ti senti sicuro, hai più probabilità di scegliere la bicicletta al posto della macchina per muoverti".

L'idea non è nuova - a Londra esistono oggi 400 zone a velocità limitata - ma rivoluzionaria sì: perchè punta a dimostrare che le strade non devono, necessariamente, essere riservate alle automobili. Nel Regno Unito, questa filosofia è promossa dalla campagna 20' is plenty for us, che monitora quando la riduzione del limite di velocità sulle strade diminuisca gli incidenti e promuova il trasporto non inquinante. 

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero