Matteo Ragni reinventa la macchinina

Teaser Description: 
Tobeus; Matteo Ragni; Design

Intanto, l’odore: To be Us, ne ha uno. Che è un profumo, quello di legno di cedro del Libano, il materiale in cui è realizzato. Poi c’è il rumore: toc!, secco, perchè To be Us è fatto di materia grezza, e quando cade per terra si sente. Provate ad annusare o a lanciare un gioco di plastica, della differenza si accorge anche un bambino. Due, nella fattispecie: Elio e Tobia Ragni, 3 anni e mezzo e nove mesi.

È a loro che papà Matteo Ragni ha affidato lo usability test della linea di sei macchinine in legno, 16 x 7,5 cm e 5, 3 di altezza, nate dalla convinzione che «dobbiamo tramandare valori, non consumare oggetti». E, prima ancora, dalla provocazione che il designer milanese lanciò ai nonni italiani da una rivista di settore a Natale 2006: «Regalate un gioco di legno: l’affetto per i nipoti non è direttamente proporzionale alla massa di plastica da impacchettare». Non era solo una tirata d’orecchie: con i colleghi Giulio Iacchetti e Odoardo Fioravanti, Matteo si è messo a progettare la macchinina dei sogni. Obiettivo: «Ridurre al minimo i processi produttivi e disincentivare l’acquisto di  oggetti che hanno vita breve».

Ne è nata una linea di macchinine – la sportiva, la romantica, il furgoncino portavalori, la berlina e il pick up – interamente realizzate a mano da un blocco di legno sempre della stessa misura con un unico taglio che da forma ai vari modelli. «Con ruote in mogano, legno compatto e facile da lavorare, e senza alcun tipo di vernice», precisa Matteo che ci tiene a definire i prodotti To be Us come un’idea imprenditoriale. «Ho progettato le macchinine per me, senza avere un committente, e ne ho messe in produzione 200, al prezzo di 70 euro a macchinina».

Troppi rispetto a una mini Ferrari in plastica made in China che costa 5 euro? Ragni, da anni impegnato nel campo del design sostenibile e alla portata di tutti, sta già lavorando a un’alternativa: «Tra breve, sul sito tobeus.it pubblicherò le istruzioni per costruirsi le nostre macchinine da soli». I modelli esistenti e quelli a venire, che Matteo intende affidare a progettisti molto particolari: «i maestri designer nonni». Le macchine sono in vendita nello spazio Rossana Orlandi di via Matteo Bandello a Milano.

Per saperne di più:
www.tobeus.it

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero