Bimbi allergici Milano

Teaser Description: 
"Facciamo rete". La proposta di luciana

Bimbi allergici a MilanoRiceviamo, e pubblichiamo, la lettera di Luciana. Mamma con un bimbo a rischio di shock anafilattico che propone di fare rete tra genitori di Milano che si trovano ad affrontare lo stesso problema. E, perchè no, un'associazione a supporto delle famiglie come quelle attive a Firenze, Bologna e Padova...i suoi pensieri e la sua mail per entrare in contatto

Cara Radiomamma,

siamo i genitori di un bimbo allergico, a rischio di shock anafilattico. Per quanto ci risulta, a Milano non esiste un'associazione che supporti i genitori nell'affrontare questo problema. Associazioni di questo tipo ce ne sono in altre città: a Firenze, Bologna, Padova.

Ci sembra importante poter condividere con altri genitori la gestione della somministrazione del farmaci salvavita anche a scuola, la preparazione di cibi privi di allergeni (i.e. le proteine del latte), scambiarsi informazioni su ristoranti, pizzerie, e simili, "allergy free" e, in genere, ogni altra informazione sul problema. Vorremmo chederti di aiutarci a mettere in contatto i genitori che possano essere interessati a creare fra loro una rete con questo profilo.

Questo per poter rendere Milano una città più vivibile anche per i bambini allergici che ci abitano. Ti ringraziamo anticipatamente per l'interessamento. 

Luciana (lu.lovecchio@gmail.com)

  

Buongiorno Abito in

Buongiorno

Abito in provincia di Pavia e vorrei esprimere la mia comprensione a Luciana, poichè anche io sono mamma di due bambini, il più piccolo dei quali è poliallergico ed al quale hanno assegnato l'adrenalina perchè ad alto rischio di shock anafilattico. A soli 3 anni ha già avuto 6 gravi reazioni allergiche. Purtroppo anche noi stiamo lottando per la gestione del farmaco salvavita a scuola. E l'assurdità è che noi abbiamo trovato grande disponibilità da parte delle maestre ma non del Dirigente scolastico che le minaccia di licenziamento qualora si assumono la responsabilità di somministrare il farmaco...!
Il bambino non può mangiare a scuola poichè anche la minima contaminazione (ad esempio lo scambio di posate..) provocherebbe una reazione anche grave.Io ho dovuto abbandonare il lavoro per poter gestire la situazione.Spesso decliniamo gli inviti a mangiare in ristoranti o pizzerie e le nostre ferie sono sempre in appartamenti per poter cucinare in modo sano e senza rischi...
Purtroppo questa patologia non è ancora così conosciuta da sensibilizzare il Ministero dell'Istruzione o il Parlamento, ad emanare delle leggi che impongono. Oggi ci sono dei Protocolli d'intesa tra ASL e UST o delle raccomandazioni ministeriali che però consigliano (anche se, seppur non normativi,aiutano a far chiarezza).

Cordialità

Buongiorno, io sono la mamma

Buongiorno, io sono la mamma di 3 bambini di cui l'ultimo pluriallergico, accompagnato da adrenalina. Abitiamo in un comune prossimo a Milano. Con la scuola siamo stati fortunati perché abbiamo trovato una dirigente scolastica umanamente grandissima e maestre e personale molto disponibili. La mia preoccupazione è che la formazione al personale a scuola l'ho fatta io che non sono un medico. Recentemente in ospedale stanno tenendo una posizione alquanto interventista e mi ritrovo io a dover fare da portavoce con la scuola. E' una situazione anomala, che presenta falle e rischi incredibili se pensiamo che c'è in gioco la vita dei un bambino di neanche 5 anni.
Io vorrei mettere a fattor comune le nostre esperienze, ospedaliere, scolastiche, quotidiane... ma non vorrei dover aprire un account su facebook... altri metodi per poter condividere un pezzo di cammino?
Saluto cordialmente
Carlotta P.

Ciao Silvia, sono il marito

Ciao Silvia,
sono il marito di Luciana, che ha scritto l'appello cui tu hai risposto e che leggo solo oggi. Perché non aderisci al gruppo su Facebook ? Siamo ormai quasi 50 persone, non tutte di Milano, quasi tutte della Lombardia e stiamo lavorando per costituire un'associazione che contribuosca alla tutela dei nostri figli. Unisicit a noi !
Ti aspettiamo, a presto.

Ciao Paolo leggo solo ora la

Ciao Paolo

leggo solo ora la tua risposta!
Mi unisco volentieri.
In questi giorni ho contattato un pediatra allergologo, poichè vorrei coinvolgerlo in un progetto che mi sta particolarmente a cuore e del quale parlerò in seguito. grazie ancora e a presto su FB!Silvia

Il gruppo si chiama Bimbo

Il gruppo si chiama Bimbo allergici a Milano: https://www.facebook.com/groups/121759461243737/
Ciao !

Ciao Paolo grazie per la

Ciao Paolo grazie per la segnalazione e il link
carlotta

Prego Carlotta ! Ti aspetto

Prego Carlotta !
Ti aspetto nel gruppo :-)

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei un utente vero